#unritrattoperunirci: Arte e Digitale per esprimere con energia la voglia di ripartire e restare uniti grazie ai ritratti

Var Digital Art si unisce all’artista Vincenzo Marsiglia nel progetto #unritrattoperunirci dove l’arte e il digitale riportano al centro la persona attraverso la creazione di una grande comunità reale e virtuale, esprimendo con energia la voglia di reagire, di stare in contatto, di sentirsi uniti per ripartire in un mondo migliore.
In questo periodo di forte emergenza e distanziamento sociale possiamo rimanere uniti grazie ai nostri ritratti e diventare espressione di un pensiero positivo, di una voce comune che con grande forza riporta speranza e infonde solidarietà.

 

“Arte e cultura sono sempre stati dialettica di conoscenza e rinnovamento; quale miglior modo per portare un messaggio nuovo, al quale ti chiedo di dare voce con la tua partecipazione: un gesto facile e quotidiano: un selfie; un semplice scatto fotografico che trasformerò in vero ritratto d’arte” – Vincenzo Marsiglia.

 

Al seguito del periodo di pandemia che l’Italia e il mondo stanno affrontando, si è creato un vortice, un bombardamento mediatico e un caos sentimentale, una crisi legata alla privazione dei legami sociali abituali, una reclusione forzata e un cambiamento della nostra quotidianità.

Var Group continua la collaborazione con l’artista Vincenzo Marsiglia proponendo di cogliere questo momento per identificare il mutamento della nostra società e renderlo fruibile con un’opera formale. Con il progetto “un ritratto per unirci”, l’intento è quello di creare una grande comunità reale e virtuale, grazie ai canali social, che unisca nell’idea del pensare positivo su quello che verrà.

Riattivare la comunità artistica e culturale di un determinato territorio diventa una voce comune per un nuovo slancio verso possibilità di creare nuove dinamiche che mirano a una solidarietà senza confini.
Nel progetto Vincenzo Marsiglia coinvolge i protagonisti del mondo dell’arte, della cultura, medici, infermieri, personaggi pubblici in un’azione artistica storica, chiedendo un selfie (autoscatto da cellulare) che verrà rielaborato in vero e proprio ritratto digitale, grazie all’utilizzo dell’applicazione Interactive Star App.

L’idea nasce con la mostra “Theatre(Home)Interactive” che ha coinvolto oltre settanta personalità del mondo della cultura italiana come Massimo Bray ex Ministro dei Beni culturali, Guido Talarico direttore della rivista Insideart, Enrico Giacomelli vicedirettore editoriale di Artribune.

 

L’artista

Vincenzo Marsiglia nasce nel 1972 a Belvedere Marittimo (CS). I primi approcci all’arte risalgono agli anni di studio, inizialmente ad Imperia presso l’Istituto Statale d’Arte, poi all’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano, dove consegue la laurea in Pittura. Ha iniziato poi ad esporre a metà degli anni ’90, partecipando a mostre presso gallerie, fiere e musei in Italia e all’estero.
Le sue opere si sviluppano partendo da una stella a quattro punte che diventa nel tempo il suo carattere distintivo, vero e proprio “logo” dell’artista. La composizione delle opere diventa quasi un’operazione ossessiva che genera elementi in cui questo simbolo si unisce al tessuto, al feltro, alle paillettes e alla ceramica, in un gioco il cui ritmo e la forma, rigorosi ed equilibrati, rimandano alla lezione dei maestri dell’astrattismo e del minimalismo.
Nell’ultima serie di lavori l’artista ricorre, invece, a strumenti tecnologici che si uniscono alla pittoricità segnica caratteristica della precedente fase di ricerca. Si ritrova in questi lavori tanto una contemporaneità legata ai nuovi strumenti di comunicazione, ormai abituali nella quotidianità, quanto il desiderio di non far sopraggiungere un oggetto concreto, finito e determinato, ma un’opera mutevole e transitoria che, proprio con l’interazione del pubblico, trova il suo compimento nel processo di relazione e mutazione che porta, anche, ad una riduzione della distanza tra l’oggetto artistico e il suo fruitore.

www.vincenzomarsiglia.it

 

Var Digital Art

Var Digital Art: la forza della contaminazione tra arte, tecnologia e innovazione nel mondo dell’impresa

L’arte come motore di innovazione ed evoluzione continua: Var Digital Art è il progetto Var Group che nasce dalla volontà di sperimentare e proporre la contaminazione tra il mondo dell’impresa, dell’arte, della tecnologia e dell’innovazione per stimolare la creatività e aprire la visione di ciascuno di noi grazie a nuove sinergie.

La Digital Art è un filone emergente e ancora inesplorato di arte basata sull’utilizzo preponderante dell’informatica sia hardware (tablet, computer, display, proiettori alta risoluzione, camere intelligenti, smartTV,…) sia software (Intelligenza Artificiale, realtà virtuale, realtà aumentata, avatar, immagini oleografiche, face recognition); concetti che si sposano perfettamente con il core business di Var Group, partner per l’innovazione digitale delle imprese.

L’arte digitale in questo contesto di sperimentazione diventa la massima espressione dell’unione tra creatività e tecnologia. La collaborazione con giovani artisti e l’esperienza diretta con le loro opere all’interno dell’azienda permettono di offrire nuovi stimoli allargando la nostra conoscenza ad orizzonti ancora inesplorati.

 

 

Chiedi maggiori informazioni.
Compila i campi del form il nostro team risponderà alle tue esigenze

Ho preso visione dell’informativa sulla privacyHo preso visione dell’informativa sulla privacy

Acconsento a ricevere comunicazioni commerciali e promozionali relative a servizi e prodotti propri di Var Group S.p.A., nonché messaggi informativi relativi alle attività istituzionali di Var Group S.p.A.

AccettoNon accetto

Acconsento alla comunicazione dei dati personali alle società appartenenti al Gruppo imprenditoriale Var Group S.p.A., al fine di ricevere comunicazioni commerciali e promozionali relative a servizi e prodotti propri delle anzidette società, nonché messaggi informativi relativi alle attività istituzionali delle società medesime.

AccettoNon accetto

Acconsento alla comunicazione dei dati personali a società terze (appartenenti alle categorie merceologiche ATECO J62, J63 e M70 riguardanti prodotti e servizi informatici e di consulenza aziendale).

AccettoNon accetto