Quali oggi sono le priorità delle PMI italiane? LA TRASFORMAZIONE DIGITALE DEL FUTURO NEL MADE IN ITALY TRA EMERGENZA COVID E RIPARTENZA

07 Dicembre 2020

​La ricerca su un campione rappresentativo di 250 imprese 

Per il 78% delle imprese, la digitalizzazione è una leva strategica per uscire dalla crisi
Il 75% punta alla collaboration: non solo smart working
Per il 74% la priorità è rafforzare la digitalizzazione dei processi logistici 
Il 37% prevede di adottare l’Intelligenza Artificiale nei processi operativi nei prossimi tre anni
Lean thinking e cybersecurity le competenze più richieste

Empoli, 7 dicembre Dicembre 2020 – Var Group, leader nei servizi e soluzioni ICT per le imprese italiane e parte del gruppo SeSa S.p.a quotato sul segmento Star di Borsa Italiana, presenta i principali risultati della ricerca condotta in collaborazione con doDigital srl, società specializzata in attività di indagine e servizi di consulenza per l’innovazione digitale, sugli ambiti della digitalizzazione che le PMI italiane considerano una priorità.

La ricerca è stata condotta nelle settimane tra luglio e ottobre 2020, proprio tra il termine del primo periodo emergenziale e la “seconda ondata”, su un campione di 250 Pmi italiane con un fatturato compreso per il 70% tra 10€mln e 50€mln e per il 20% oltre i 50€mln, rappresentativo di diversi settori industriali e manifatturieri: agroalimentare, carta e packaging, GDO, manifattura, tessile e abbigliamento, mobili e arredamento, servizi, chimica e farmaceutica. 

In un momento in cui l’emergenza pandemica si abbatte sui ricavi, a fronte di una generalizzata riduzione dei budget, tra le imprese che ritengono che la digitalizzazione sia una leva strategica per uscire dalla crisi, solo l’8% dichiara di non prevedere investimenti per progetti di trasformazione digitale nei prossimi due anni.  

“La situazione emergenziale ha permesso alle aziende di focalizzare meglio esigenze e priorità e ha imposto l’accelerazione di processi decisionali e la maturazione di scelte concrete. – ha affermato Francesca Moriani CEO di Var Group illustrando i principali risultati della ricerca– In questo contesto la trasformazione digitale diventa leva per uscire dalla crisi generata dall’emergenza: le tecnologie digitali sono per tutti asset prioritari per fare efficienza e ottimizzare il business, ma nella roadmap degli imprenditori a tendere c’è l’adozione di tecnologie innovative a partire da AI e machine  learning, IoT e big data. La nostra ambizione è supportare le aziende nel definire questa roadmap traducendo in soluzioni l’innovazione tecnologica e creando un ecosistema di innovazione che ci permetta insieme di lavorare per la ripartenza economica del Paese. È fondamentale che a questo sforzo delle imprese per resistere alla crisi e rilanciare l’economia dopo l’emergenza, corrisponda un analogo impegno del Paese a realizzare le infrastrutture digitali necessarie allo sviluppo tecnologico.”

Attraverso la survey e le interviste in profondità, la ricerca ha identificato le priorità digitali che le PMI italiane considerano irrinunciabili nell’immediato e quelle considerate indispensabili a tendere, nei prossimi 3 anni.

Quanto intendono investire e con quali priorità in termini di innovazione digitale le piccole e medie aziende oggi? Quali applicativi e competenze cercano oggi e nel prossimo futuro? Quali saranno i trend dell’innovazione nelle imprese da qui ai prossimi tre anni?

Ecco in sintesi le principali evidenze:

L’emergenza ha imposto gli applicativi digitali per la collaboration come priorità per le PMI, ma non solo per lo smart working.

il 75% delle imprese considera come prioritaria la collaboration, intesa come la necessità di digitalizzare i percorsi di comunicazione e socializzazione delle informazioni e della conoscenza aziendale. Da notare che la priorità non si riferisce solo ai processi interni, l’esigenza cioè non è solo quella di ottimizzare lo smart working, ma riguarda tutti i processi trasversali anche esterni all’azienda: per esempio per gestire in modo più sostenibile e agile anche i rapporti con i partner e i fornitori esterni.  

Ridurre i costi, aumentare la produttività con gli applicativi digitali per la logistica e la gestione del magazzino. Le iniziative correlate all’automazione, l’accelerazione delle operazioni di prelievo e dei percorsi di picking sono gli ambiti applicativi digitali prioritari per la maggior parte delle aziende, pari al 74% del campione considerato.

Customer engagement, gli applicativi digitali per la gestione dei clienti, ma la data intelligence è ancora per pochi.

Il 63% delle imprese annovera tra le priorità della digitalizzazione il Customer engagement con l’introduzione di sistemi di CRM e il rafforzamento di soluzioni già presenti. Sono solo circa la metà quelle imprese che ritengono importante l’adozione di iniziative volte ad abilitare progetti di data intelligence per l’estrazione e l’elaborazione dei dati archiviati e sono meno del 50% quelle che vedono nella servitization una priorità: evidenziando come questi temi non siano ancora sufficientemente maturi in termini di adozione.

Quali prospettive? Le PMI vedono AI e Big data nel proprio futuro

Solo il 35% circa delle PMI, infatti adotta oggi tecnologie di gestione dei big data e data intelligence, ma sale a ben 52 la percentuale delle imprese che si aspetta di farlo tra tre anni.
Analogamente per le tecnologie AI e machine learning, a fronte del 14% delle imprese che le adotta oggi nei propri processi, sale al 37 la percentuale di PMI che prevede di adottarle nei prossimi tre anni.

Le competenze per ripartire, ecco quelle di cui le PMI non potranno fare a meno

L’estensione degli applicativi in azienda impone l’integrazione di nuove competenze. A conferma della necessità di aumentare l’efficienza dei processi le competenze considerate più urgenti sono: il lean thinking, la cybersecurity e la governance dei sistemi informativi.

 “La necessità di “fare di più con meno” che ha caratterizzato l’intero periodo dell’emergenza sanitaria tuttora in corso, ha spinto le aziende a considerare le tecnologie digitali come strumenti fondamentali per operare con maggiore efficienza lungo la filiera produttiva e logistica e con maggiore efficacia nell’interazione verso i clienti – spiega Francesca Saraceni, CEO doDigital e ricercatrice sui temi di innovazione digitale – Tale risultato è da considerarsi importante sotto due differenti punti di vista: da un lato le tecnologie digitali sono di fatto valutate come asset prioritari per fare efficienza e ottimizzare il business. Dall’altro lato emerge in modo naturale una solida roadmap per le aziende che collocano in una prima fase la necessità di consolidare la propria “backbone” operativa e successivamente mirano a costruire su questa i servizi ad alta innovazione per aprire a nuovi modelli di servizio e alla realizzazione di nuovi prodotti“.

​Per ulteriori informazioni

Communication & Media Relations Var Group
Sara Lazzeretti
Mail: s.lazzeretti@vargroup.it
Mob. 3391705791

Ufficio stampa
Community Strategic Communications Advisers
var@communitygroup.it 
Mob. 335.7357146