L’Hackathon Var Group premia il progetto del team dell’Università degli Studi di Firenze per Conad Centro Nord

06 Ottobre 2021



​Un avatar virtuale e dati in blockchain per raccontare la storia dei prodotti sugli scaffali del supermercato.

IL CONTEST SI È TENUTO ALL’INTERNO DEL PRIMO EVENTO FISICO DEL MONDO ICT DALL’INIZIO DELLA PANDEMIA

Empoli, 05 ottobre 2021 – Un avatar virtuale che interagisce con il cliente, raccontando la storia dei prodotti presenti nei supermercati Conad Centro Nord, attraverso dati certificati in Blockchain: questo il progetto vincitore dell’Hackathon, che Var Group ha organizzato insieme a Talent Garden, in occasione della Convention che si è tenuta a Riccione il 20 e 21 settembre, primo grande evento fisico del mondo ICT dallo scoppio della pandemia.

GDO, Fashion, Travel, Wine, Real Estate, Manufacturing e settore logistico sono solo alcuni dei campi in cui si sono sfidati a colpi di innovazione le sette squadre protagoniste della maratona di sviluppo: trenta giovani talenti hanno realizzato progetti ad alta priorità strategica, con l’obiettivo di migliorare i processi reali di aziende del Made in Italy. 

A ciascun gruppo era stata assegnata un’impresa, leader dell’economia italiana, come Alpitour, Ceramiche Marazzi, Red, Cantina Toblino, Habasit e Conad Centro Nord; ciascun team di ragazzi ha analizzato le esigenze di business delle diverse realtà e ha sviluppato un progetto basato sulla tecnologia Blockchain. 
Vincitore della maratona di sviluppo il progetto commissionato da Conad Centro Nord e realizzato, in sole 72 ore, dal team Cappuccino Tiepido Tech. La squadra dell’Università degli Studi di Firenze ha creato un avatar che racconta ai consumatori la storia dei prodotti a marchio Conad.  Un progetto che unisce Blockchain e Customer Experience per permettere di conoscere il valore della filiera Conad. Tutti i clienti, scansionando i QRcode presenti sulle confezioni, accedono alle informazioni relative alla supply chain (fornitore/allevatore/coltivatore fino al trasporto finale) in modo semplice e divertente; diventano inoltre attori attivi nella filiera perché possono lasciare e recuperare feedback qualitativi sui prodotti acquistati.

“Ogni anno, tramite il nostro Hackathon, notiamo come i ragazzi trovino nuovi modi, sempre più interattivi, di integrare le tecnologie nei diversi contesti di business. – ha commentato Francesca Moriani, CEO di Var Group – “Siamo orgogliosi di stimolare la creatività e offrire a giovani promettenti, l’opportunità di mettersi in gioco toccando con mano problemi reali che le aziende si trovano ad affrontare ogni giorno, per crescere in sostenibilità, sicurezza, digitalizzazione e competitività”. d

“Conad Centro Nord da tempo è impegnata in un percorso di open innovation per accompagnare il processo di trasformazione digitale. Il nostro progetto di tracciabilità alimentare su blockchain consolida in sicurezza il flusso delle informazioni della filiera dei prodotti, incrementandone ampiezza e profondità, arricchendo la nostra attuale piattaforma Agrolink di Di.Tech. Mediante un motore di intelligenza artificiale, e un assistente virtuale creato dal team durante l’Hackathon, sarà possibile evolvere la relazione con i nostri clienti.” – ha aggiunto Stefano Elli, Direttore Pianificazione e Controllo di Gestione Conad Centro Nord. “È stato stupefacente avere realizzato in 72 ore non solo l’analisi dell’architettura del progetto ma anche un prototipo funzionante. Siamo sicuri che blockchain, intelligenza artificiale e machine learning siano il paradigma per interpretare al meglio il prossimo futuro.”

Le declinazioni della tecnologia Blockchain che hanno caratterizzato l’Hackathon Var Group e talent Garden sono state molteplici: dalla tracciabilità ed integrazione di sistemi IoT e gestionali come per Habasit e Ceramiche Marazzi, fino all’applicazione di NFT in Alpitour, RED e Cantina Toblino per creare nuove esperienze di vendita di servizi e prodotti.